• Magazine
  • Inside
  • 17 search 0
    17 search

    Il tuo carrello è vuoto

    Prodotti nel carrello: 0
    Totale: € 0,00

    Per qualsiasi esigenza
    scrivi a [email protected]
    o chiama il numero
    040 0646313

    DENIM: un classico senza tempo

    Già nel XV secolo si produceva a Genova, città dalla quale probabilmente nasce il nome “jeans”, un particolare tipo di fustagno di colore blu che veniva usato principalmente nell’industria navale sia per confezionare i sacchi per le vele delle navi e per coprire le merci nel porto, sia per fabbricare dei pratici e resistenti “calzoni da lavoro” indossati dai marinai.

    E’ nel XIX secolo che, con l’obbiettivo di fornire ai cercatori d’oro negli Stati Uniti dei pantaloni e dei grembiuli da lavoro, vengono inventati i moderni jeans, utilizzando il denim, un tessuto pesante e resistente, e aggiungendo gli iconici rivetti in rame per rafforzare i punti maggiormente soggetti ad usura.

    Nel ‘900 si assiste a una vera e propria trasformazione dei jeans da abito da lavoro a indumento per il tempo libero: i jeans conquistano il mondo dei giovani grazie ai primi idoli del cinema e del rock and roll, aiutando a definire il modello estetico del “bad boy” e a esprimere il rifiuto delle convenzioni sociali, per poi diventare un capo globalizzato, valido per tutte le classi sociali e tutte le età ed estraneo alla differenziazione per sesso, destinato ad entrare nella storia della moda.

       

    Oggigiorno sono veramente poche le persone che non hanno almeno un paio di jeans nell’armadio, non tutti però sanno qual è l’impatto ambientale legato a questo iconico capo d’abbigliamento.

    Infatti, per produrre un paio di jeans in maniera convenzionale, sono necessari 3,800 litri d’acqua, 12 mq di terreno e 18.3 kWh di energia elettrica e durante l’intero ciclo di vita del prodotto vengono emessi nell’atmosfera 33.4 kg di CO2. Si tratta delle conseguenze di coltivazione e raccolta del cotone, dei colori utilizzati durante i processi di tintura e di trattamenti come la sabbiatura o lo sbiancamento del denim.

    Fortunatamente negli ultimi anni alcune aziende, come ad esempio Par.co Denim, hanno iniziato ad investire in tecnologie che permettano di ridurre l’impatto ambientale e sociale della filiera del cotone denim.

    La missione di Par.co Denim è quella di realizzare jeans di qualità lasciando il minor impatto possibile sul pianeta. Per farlo, l'azienda si attiene a pratiche etiche e sostenibili, producendo jeans in Italia e utlizzando materie prime e lavaggi sostenibili, attraerso processi ecologici e privi di crudeltà.



    Sei maggiorenne?
    Torna in homepage
    Non hai l'età minima per visitare questa categoria