• Magazine
  • Inside
  • 17 search 0
    17 search

    Il tuo carrello è vuoto

    Prodotti nel carrello: 0
    Totale: € 0,00

    Per qualsiasi esigenza
    scrivi a [email protected]
    o chiama il numero
    040 0646313

    Rossi 1947

    Pandolce Genovese cotto in forno a legna 500 gr.

    Un pandolce antico, e non "fatto all'antica"!
    Arricchito dall'aroma inconfondibile della Rosa per creare un pandolce diverso ma assolutamente indimenticabile.

    Il Pandolce genovese alla rosa è una rarità che vi proponiamo per stupire i vostri ospiti.

    Disponibile in un solo formato da 500 gr.  viene consumato tipicamente durante le festività natalizie. Con questa ricetta abbiamo riconciliato molte persone a questo dolce della tradizione genovese.

    Secondo la tradizione quando si apre il pandolce genovese classico, una fetta va tenuta da parte per i poveri e una per il il 3 febbraio, San Biagio.

    Secondo alcuni la nascita di questo pandolce si deve ad un Doge della Repubblica di Genova che bandì un concorso tra i maestri pasticceri di Genova per creare un dolce rappresentativo della ricchezza di Genova che fosse nutriente, a lunga conservazione e adatto ai lunghi viaggi per mare.

    Spese di spedizione: gratis

    Rossi 1947

    Pandolce Genovese cotto in forno a legna 500 gr.

    14,50 IVA inclusa

    Prodotto aggiunto al carrello.

    Vai al carrello

    Inserito in 1 wishlist

    go.to.wishlist

    Hai raggiunto la massima quantità di prodotto acquistabile.

    Un pandolce antico, e non "fatto all'antica"!
    Arricchito dall'aroma inconfondibile della Rosa per creare un pandolce diverso ma assolutamente indimenticabile.

    Il Pandolce genovese alla rosa è una rarità che vi proponiamo per stupire i vostri ospiti.

    Disponibile in un solo formato da 500 gr.  viene consumato tipicamente durante le festività natalizie. Con questa ricetta abbiamo riconciliato molte persone a questo dolce della tradizione genovese.

    Secondo la tradizione quando si apre il pandolce genovese classico, una fetta va tenuta da parte per i poveri e una per il il 3 febbraio, San Biagio.

    Secondo alcuni la nascita di questo pandolce si deve ad un Doge della Repubblica di Genova che bandì un concorso tra i maestri pasticceri di Genova per creare un dolce rappresentativo della ricchezza di Genova che fosse nutriente, a lunga conservazione e adatto ai lunghi viaggi per mare.

    Spese di spedizione: gratis

    Sei maggiorenne?
    Torna in homepage
    Non hai l'età minima per visitare questa categoria